adventure style bracciale paracord mission blue navy

1690

N.B. nell’ordine (note) specificare la circonferenza del polso

La Fune Paracord è un cordino tecnico/militare composto da uno o più fili in nylon ritorto ricoperti da una guaina in genere colorata, sempre in nylon.

È leggero, robusto e resiste alle intemperie; nato come fune dei paracadute è praticamente indistruttibile.

Il più utilizzato è il Paracord 550 che è formato da 7 fili più la guaina. Ha una resistenza di circa 550 libbre (da cui il nome) allo strappo che equivalgono a circa 250 kg.

Cosa sono i bracciali e accessori di sopravvivenza?

Sono degli intrecci di fune Paracord, generalmente lavorati a mano, con una tecnica simile al macramè (Solomon Bar). In caso di bisogno si smontano velocemente trasformandosi in uno spezzone di fune tecnica da usare in caso di necessità.

I classici bracciali sono confezionati con circa 4 metri di cordino super resistente.

La chiusura, che nel nostro caso e’ un pezzo di design realizzato in acciaio chirurgico spazzolato, diventa un pratico gancio multiuso.

Storia del Paracord e accessori di Sopravvivenza

 

Il cordino Paracord ha fatto la sua comparsa tra le vele dei paracadute degli alleati durante la seconda guerra mondiale. Inizialmente il cordino era, come il paracadute, realizzato in seta.

I paracadutisti venivano lanciati dietro le linee nemiche e una volta atterrati dovevano rendere i paracadute inutilizzabili tagliando le corde. Abbandonavano quindi le vele perché troppo ingombranti e pesanti.

Le corde tecniche si rivelarono presto un valido aiuto in mille situazioni poiché erano molto robuste e resistenti, ma leggere. Potevano servire per legare e trasportare rami per il fuoco, per costruire un riparo, o una barella o per steccare un arto ferito, preparare trappole per i nemici o animali, pescare con i fili interni più sottili, sostituire lacci di scarpe e scarponi, cinture e cinturoni, legare carichi.. e mille altre necessità.

Presto il Paracord diventò un materiale milleusi.

Nelle lunghe sere i militari cominciarono ad intrecciare queste corde, un po’ per passatempo, un po’ per nostalgia delle nonne e delle mamme che erano abituati a veder ricamare a macramè, un po’ per ridurle di volume e tenerle ordinate.

Nacquero così i primi accessori di sopravvivenza, soprattutto bracciali e cinturoni, da smontare velocemente in caso fosse necessario uno spezzone di questa pratica e robusta fune.

Tutt’oggi gli accessori di sopravvivenza vengono prodotti nello stesso modo, i più pregiati, come allora, a mano.

 

 

DISPONIBILE

COD: AS-MISSION-BLUE Categorie: , Product ID: 12017

Informazioni aggiuntive

marca

Translate »
Minimum 4 characters